Blog / Gavina Masala | 07 Luglio 2018

Le Lettere di Gavina Masala – La fake news di Grillo e quella verità che non ricordiamo

Pochi giorni fa mi sono imbattuta in una notizia che ha dell’ossimorico, specialmente per chi vive a Roma. Beppe Grillo, co-fondatore del MoVimento 5 Stelle twitta che Roma ha ricevuto il premio Conai per la differenziata e invita i “suoi” a diffondere, “più che potete”.

Chiunque viva a Roma o vi sia passato di recente sa benissimo di cosa stiamo parlando: ovvero di una città-gioiello lasciata diventare una pattumiera. Una delle “sette sorelle”, meravigliosa potenza mondiale, sede del Vaticano, vero biglietto da visita culturale e’umiliata da povertà, sporcizia e degrado.

Allora mi chiedo e indago un po’ su cosa sia questo premio che la Città Eterna avrebbe ricevuto. Suscitata nella mia indole scettica pensavo infatti fosse tutto falso. Invece no, il premio esiste ed è stato consegnato proprio alla capitale, ma, ma…

Ma il Consorzio Conai è un privato che effettua imballaggi, che pochi mesi fa aveva firmato un’intesa con Ama, la ditta romana di smaltimento dei rifiuti. Dunque, il Premio Conai per il progetto della differenziata dei Municipi VI e X, elaborato dal sindaco Raggi, è un progetto cui il Conai partecipa attivamente. E’ come dire che io istituisco un premio e me lo conferisco da sola.

La cosa grave, in questa vicenda, è che un leader politico-ideologico della maggiore forza del Paese immetta notizie false nel sistema di internet, scientemente, e che per giunta inciti a diffonderle. Questo, sempre a mio avviso, significa che abbiamo perso ogni parametro di serietà e di buon gusto.

Se non vi saranno una lucida ed onesta analisi della realtà, l’Italia e Roma non potranno ripartire in nessun modo: da premesse sbagliate si arriva solo a conclusioni fuori mira. Così funziona a livello teoretico, ma anche pratico. Grillo certamente non lo ricorda, ma per i Greci, vera civiltá ineguagliata, il sapere epistemico, ovvero scientifico, ha potere salvifico. Questa istanza di conoscenza elaborata dai presocratici come unica liberazione rispetto al dolore, e stata messa a frutto dal Cristianesimo stesso, che identifica Dio con la verità e dunque con la salvezza. Giusto per chiarire il legame imprescindibile che esiste fra verità e bene.

Chi scrive crede strenuamente che le persone, a prescindere dal colore politico o religioso, vadano prese come assoluti relativi: assoluti perché essenziali in sé e per sé e relativi per la natura relazionale che la persona ha, innegabilmente. Ma solo a partire da persone oneste si può arrivare da qualche parte che non siano le secche che viviamo da tanti anni, per il motivo suddetto. Credo veramente che la soluzione per il nostro paese sia solo puntare su uomini veritieri e preparati, che inizino a permeare di nuovo le istituzioni, per troppo tempo bersaglio di virus debilitanti. Mi piace vedere l’Italia come un corpo nel quale siano stati iniettati dei virus per vaccinarlo, esso impara a riconoscerli e a combatterli, sì da non farsene affliggere. Speriamo valga anche a livello socio-politico.

Giovane mamma e moglie, scrivo per capire. Ho una formazione internazionale, da settembre 2015 ho intrapreso un secondo corso di studi in filosofia, presso un ateneo pontificio. Parlo tre lingue, mi interesso soprattutto di relazioni internazionali e di religioni: cerco di vedere come la prospettiva cristiano – cattolica possa aiutare a convivere pacificamente. Ha un suo blog personale