Blog / Gal / Il Vangelo degli amici | 11 Novembre 2019

Martedì 12 novembre – Gal

Commento al Vangelo (Lc 17,7-10) del 12 novembre 2019, San Giosafat, martedì della XXXII settimana del Tempo Ordinario, di Gal. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]nardi.it

In quel tempo, Gesù disse:
«Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, strìngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”». 

Sono sempre in attesa delle parole che mi dirai ed ecco oggi:
…quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”»
Se dico di seguirti devo mettermi sempre in questa logica
In questo atteggiamento
Altrimenti significa che sono fuori strada…
Questa logica che è però solo Tua, che non mi appartiene …
Solo Tu sei il Padrone che si fa servo,
il Rabbi che si mette a lavare i piedi ai suoi discepoli
Sempre in cerca dell’ultimo, del perduto, del dimenticato
Che va in croce per salvare tutti noi…
Servo fino alla fine..
Io invece appena posso mi scanso…
oppure, se proprio “mi abbasso a tanto”, mi aspetto ringraziamenti, elogi riconoscenza o ricompensa.
Tu invece oggi mi ricordi di provare ad assomigliarti…di fare ogni piccola cosa con spirito di servizio, nel silenzio con mitezza ed umiltà…