Blog / Bruno Mardegan / Lettere | 11 Novembre 2015

Le Lettere di Bruno Mardegan – Scarsa devozione ai funerali

Caro direttore, in corrispondenza al marcato invecchiamento della popolazione degli ultimi decenni causato dall’inverno demografico, è cresciuto il numero dei funerali nella fascia degli anziani. Si nota sistematicamente e in modo evidente poca o nulla  partecipazione devozionale da parte dei parenti, che appaiono annoiati o distaccati. Questo comportamento si nota in particolare al momento della consacrazione e della  comunione. Alla consacrazione generalmente  i fedeli si inginocchiano, tranne appunto i parenti del defunto/a, che spiccano impalati ai primi banchi. Analogo comportamento si osserva alla comunione. Sono pochissimi i parenti del defunto  che si accostano a riceverla. Questi atteggiamenti li  trovo stonati  rispetto all’atmosfera altamente religiosa della  funzione funebre e alla sacralità della chiesa. Sono comportamenti poco
riguardosi, che andrebbero  additati dal parroco e possibilmente rimossi anche per rispetto verso il  defunto/a e verso gli altri fedeli presenti alla cerimonia.
Cordialità
Bruno Mardegan – Milano
Lettera ad Avvenire