Blog / Una donna nel Vangelo | 03 Marzo 2021

Giovedì 4 marzo – Mi sarà donato dal cielo

Commento al Vangelo (Lc 16,19-31) del 4 marzo 2021, giovedì della II settimana di Quaresima, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: « C’era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente. Un mendicante, di nome Lazzaro, giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi di quello che cadeva dalla mensa del ricco. Perfino i cani venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando nell’inferno tra i tormenti, levò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e bagnarmi la lingua, perché questa fiamma mi tortura. Ma Abramo rispose: Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni durante la vita e Lazzaro parimenti i suoi mali; ora invece lui è consolato e tu sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stabilito un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi non possono, né di costì si può attraversare fino a noi. E quegli replicò: Allora, padre, ti prego di mandarlo a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento. Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno. Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi ».

C’è solo il presente.
Sei vivo?
Ama.
Sei ricco?
Dona.

Domani.
Verrai sepolto.
E non potrai amare.
Non potrai donare.
Non potrai nulla.

Così povero.
Da avere un cane come amico.
Così affamato.
Da mangiare avanzi caduti.
Così misero.
Da morire solo.

E poi gli angeli.
Il paradiso.
La vita piena.

Dovremmo essere sempre l’uno il bene dell’altro.
Alleviare l’uno il male dell’altro.

E invece no.
Teniamo le porte chiuse.
E così si creano abissi.
Anche in cielo.
Quello che amo, dono, qui, ora.
Mi verrà donato in cielo.
Non c’è altra legge.