Blog / Una donna nel Vangelo | 19 Gennaio 2021

Mercoledì 20 gennaio – Rischi la vita

Commento al Vangelo (Mc 3,1-6) del 20 gennaio 2021, mercoledì della II settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, Gesù entrò di nuovo nella sinagoga. C’era un uomo che aveva una mano inaridita, e lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato per poi accusarlo. Egli disse all’uomo che aveva la mano inaridita: «Mettiti nel mezzo!». Poi domandò loro: «E’ lecito in giorno di sabato fare il bene o il male, salvare una vita o toglierla?». Ma essi tacevano. E guardandoli tutt’intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse a quell’uomo: «Stendi la mano!». La stese e la sua mano fu risanata. E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire.

Può esserci un momento sbagliato per fare del bene?
Si può lasciare soffrire qualcuno potendolo guarire subito?
Può esserci un giorno in cui si può solo morire e mai essere salvati?
Come si può pensare così?
Come si può vivere così?

Fare di un momento di gioia, di vita, una trappola.
Che tristezza.

Sei indignato e triste.
La tua salvezza, il tuo amore, guardato con sospetto, con rabbia.
Tacciono invece di far festa.

Può essere lecita una cosa cattiva?
Può essere illegale, sbagliata, la vita, la salute, la salvezza, la bellezza?

Paghi con la morte, l’avermi sanato una sola mano.
Ma quanto mi ami?
Non saprò mai la grandezza del tuo amore per me.
Rischi la vita per guarirmi una mano.