Blog / Una donna nel Vangelo | 18 Gennaio 2021

Martedì 19 gennaio – Portami con te

Commento al Vangelo (Mc 2,23-28) del 19 gennaio 2021, martedì della II settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe. I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!». E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato».

Gesù che fame bisogna avere per strappare spighe di grano e mangiarle.
Sono dure, pungono, strozzano.
Che fame bisogna avere, per mangiarle.
Che fretta bisogna avere per mangiarle crude e camminando.
Sei veramente senza una casa. Veramente ti muove il desiderio di venire da me, da ciascuno, uno per uno.
Quanto bisogna essere ciechi per vedere gente che mangia erba e semi duri e pensare alla legge invece che alla loro fame.
Alla regola infranta invece che alla pancia vuota.
E correre a denunciare dal capo invece che correre ed invitarti a pranzo a casa propria.
Vieni da me, Gesù mio.