Blog / Una donna nel Vangelo | 27 Settembre 2020

Lunedì 28 settembre – Perché ti accolgo

Commento al Vangelo (Lc 9,46-50) del 28 settembre 2020, lunedì della XXVI settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, sorse una discussione tra loro, chi di essi fosse il più grande. Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un fanciullo, se lo mise vicino e disse: «Chi accoglie questo fanciullo nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato. Poiché chi è il più piccolo tra tutti voi, questi è grande». Giovanni prese la parola dicendo: «Maestro, abbiamo visto un tale che scacciava demòni nel tuo nome e glielo abbiamo impedito, perché non è con noi tra i tuoi seguaci». Ma Gesù gli rispose: «Non glielo impedite, perché chi non è contro di voi, è per voi»

Vorrei essere la più grande per te.
La prima.
L’unica.
E lo sono.
Perché ti accolgo.
Ti custodisco.
Ti proteggo.
Ti sfamo.
Ti curo.
Ti amo.
Perché sei tu che amo in tutti quelli che amo.
Perché sei tu che accolgo in tutti quelli che accolgo.
Perché sei tu che sfamo in tutti quelli che sfamo.
Perché lì dove amo, amo te.

Sono la più grande, l’unica, per te.
Quando amo.

L’amore solo fa miracoli.
E se è amore.
Sei tu.

Non c’è bisogno di essere del gruppo.
È l’amore che dice chi sono, chi siamo.
Se amiamo.
Siamo dei tuoi.