Blog / Una donna nel Vangelo | 23 Settembre 2020

Giovedì 24 settembre – Ci vuole uno sguardo

Commento al Vangelo (Lc 9,7-9) del 24 settembre 2020, giovedì della XXV settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, il tetràrca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», altri: «È apparso Elìa», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti». Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo.

Erode vuole vederti, non ha capito niente.
Ma ha capito la cosa più importante.
Guardarti, stare con te è l’unico modo per sapere chi sei.
Per quante cose belle si sentono su di te.
Per quanti nomi ti si possono dare.
Per conoscere te.
Ci vuole uno sguardo.
Personale.
Il mio sguardo su di te, intrecciato al tuo.
E’ l’unica risposta.
Chi sei tu per me?
È l’unica domanda.
E incontrarti è l’unica risposta.