Blog / Una donna nel Vangelo | 28 Aprile 2020

Mercoledì 29 aprile – Lascio a te la mia vita

Commento al Vangelo (Mt 11,25-30) del 29 aprile 2020, Santa Caterina da Siena, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected] 

In quel tempo Gesù disse: «Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare». Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».

Sono sapiente solo della mia piccolezza.
Sono dotta solo del mio essere figlia.
Sei tu il mio Signore buono.
Sei tu il mio Padre che mi da tutto.
Amo tuo figlio.
Mi fido di tuo figlio.
Credo in tuo figlio.
Ascolto solo tuo figlio.
Sono piccola in lui.
Dammi tutto in lui.
Rivelami lui.
Dammi lui.

Sono stanca.
Sono schiacciata.
Prendimi tu.
Sii tu il mio peso.
Conducimi tu.
Sii il mio giogo.
Lascio a te la mia fatica.
Lascio a te la mia vita.