donnavangelo17
Blog / Una donna nel Vangelo | 06 Aprile 2020

Martedì 7 aprile – La tua gloria

Commento al Vangelo (Gv 13,21-33.36-38) del 7 aprile 2020, martedì della Settimana Santa, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda… Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. »

Signore chi è? Signore dove vai? Signore perché non posso seguirti ora?
Quando fuori è notte, quando Satana gira intorno alle nostre bocche per entrare, vogliamo sapere.
Vogliamo il nome, vogliamo venire con te.
Invece c’è solo da restare.
C’è solo da appiccicarsi al tuo cuore.
Tra le tue braccia.
C’è una gloria che è la tua.
C’è una gloria dentro di te che si sente da fuori, con l’orecchio sul tuo petto.
Stringimi.