donnavangelo18
Blog / Una donna nel Vangelo | 18 Febbraio 2020

Mercoledì 19 febbraio – La luce arriva piano

Commento al Vangelo (Mc 8,22-26) del 19 febbraio 2020, mercoledì della VI settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli giunsero a Betsàida, dove gli condussero un cieco pregandolo di toccarlo. Allora preso il cieco per mano, lo condusse fuori del villaggio e, dopo avergli messo della saliva sugli occhi, gli impose le mani e gli chiese: «Vedi qualcosa?». Quegli, alzando gli occhi, disse: «Vedo gli uomini, poiché vedo come degli alberi che camminano». Allora gli impose di nuovo le mani sugli occhi ed egli ci vide chiaramente e fu sanato e vedeva a distanza ogni cosa. E lo rimandò a casa dicendo: «Non entrare nemmeno nel villaggio».

Non tutti i miracoli sono uguali.
Non tutti i ciechi sono uguali.
Perché non tutti gli uomini sono uguali.
Torna la vista non per magia.
Non per formule magiche.
Ma per amore.
E ogni uomo è amato e ama diversamente.
C’è chi è miracolato, amato, in una piazza.
Chi portato da amici.
Chi da estranei.
Chi in giorno di festa.
Chi in giorno feriale.
Chi di giorno.
Chi di notte.
Chi da vicino.
Chi da lontano.
E c’è chi viene portato da chissà chi.
E c’è chi viene portato fuori chissà dove.
Lontano dagli altri.
Per mano con Lui.
E la luce arriva piano.
E la vista torna lentamente.
E non si sa perché.
Lo sa il cieco, lo sa Gesù.
E basta.
È affar loro.
Del loro amore.
E non c’è nulla da dire a nessuno.