donnavangelo25
Blog / Una donna nel Vangelo | 13 Gennaio 2020

Martedì 14 gennaio – Parola che è lui

Commento al Vangelo (Mc 1,21b-28) del 14 gennaio 2020, martedì della I settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti, audio o scritti, a [email protected]

Gesù, entrato di sabato nella sinagoga … insegnava. Ed erano stupìti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». … Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».

I demoni scappano davanti all’autorità della bellezza di Gesù.
Che i demoni se ne vadano è normale, conseguenza normale.
Prima di combattere i nostri demoni, inutilmente, ascoltiamo la sua parola.
È quella che fa scappare i demoni.
E poi, la fama della sua parola – parola che è Lui – si diffonde.