Blog / Rebibbia | 02 Giugno 2019

Blog – Raccolta di biancheria intima per i carcerati di Rebibbia

Come per i panettoni e le colombe, oggi propongo ai lettori del blog di aiutare i detenuti di Rebibbia regalando loro delle mutande (taglia M, X, XL) di cui c’è molto bisogno. Per meglio capire la situazione riporto qui alcune parole tratte da un’intervista a don Roberto Guernieri, attualmente Cappellano Coordinatore a Rebbibia

D./In genere si crede che arrivino aiuti sufficienti da tante reti di solidarietà in una grande città come Roma.

R./Ma così non è. C’è bisogno di tutto dentro queste mura. Anche un panettone a Natale che può sembrare, qui diventa importante. Alcuni non hanno niente. L’amministrazione consegna all’inizio il materiale delle pulizie o le posate, tutto in plastica ovviamente, e poi basta. Facciamo tante raccolte e le cose non bastano mai. Chi è poverissimo non ha da lavarsi. Per questo dico che la prima cosa è non schifarsi di nessuno ma accogliere tutti. Certo, sono situazioni in cui bisogna esercitare un forte equilibrio perché, di fronte a una grande richiesta di affetto, si rischia di uscirne prosciugati.

Chiedo di spedire le mutande al mio indirizzo entro il mese di giugno. Centro Elis – Via Sandro Sandri 71, 00159 Roma

Grazie a tutti!