Le Lettere di Renato Pierri – Il messaggio di Mariateresa, la moglie di Michelangelo

7 Dic 2017   •   Blog  •  Le Lettere di Renato Pierri

Renato chiede al blog di pubblicare questo messaggio da parte di Mariateresa e Michelangelo. Michelangelo, malato di leucemia, ha chiesto al blog un aiuto per sostenere le cure sperimentali che deve affrontare

Carissimi Amici,  purtroppo stanno arrivando notizie contrastanti che hanno creato alcuni equivoci , anche in riferimento all’opportunità di aver scelto di donare questo aiuto. 
Alcune notizie sullo stato di salute grave di Michelangelo sono state date sull’onda anche dell’emotività istantanea .
Ad oggi, la condizione ufficiale dello stato di salute di Michelangelo, è la seguente .
La terapia sperimentale è stata somministrata su un corpo purtroppo provato a causa delle precedenti terapie chemioterapiche e non solo.
Purtroppo , la malattia ha portato alle ulteriori complicanze che hanno investito anche gli altri organi. 
Sofferenza al fegato per via dei medicinali e infezioni batterica ai polmoni , con accumulo di liquido in quantità quasi incontrollabile.
E proprio in riferimento a ciò, è stato ritenuto opportuno sottoporre all’aspirazione di parte  di questi liquidi. 
Il primo tentativo di somministrazione della terapia sperimentale inizialmente sembrava desse buon effetto , nonostante la somministrazione a basse dosi . 
Ha avuto un momento difficile subito dopo qualche tempo dalla somministrazione. Una fase critica , vegliata minuto per minuto. E lì , in quel momento, si è temuto il peggio. 
Ed è in quell’attimo che forse , si è creato questo fraintendimento a causa di sfoghi dovuti allo sconforto e alla stanchezza emotiva . Non so cosa stia accadendo , posso solamente riferire a Voi tutti che dopo questi tre giorni di paura estrema , quasi a toccare la sensazione di morte , il suo stato fisico , improvvisamente, rispetto alle condizioni iniziali sembra essere migliorato, le condizioni degli organi sono in via di miglioramento. Gli indici di infezione sono quasi azzerati .
Questo stato attuale ha portato l’equipe medica a valutare la nuova somministrazione del farmaco sperimentale che , questa volta , sarà effettuato con dosaggi più forti , quelli ritenuti necessari , affinché il farmaco sortisca il suo effetto.
Inizialmente è stato somministrato un dosaggio molto basso per via delle condizioni generali di Michelangelo e questo motivo potrebbe giustificare la sua bassa efficacia.
Io prego tanto che il Signore ci dia anche il Suo aiuto e ringrazio tutti Voi ancora una volta per la Vostra affettuosa vicinanza . E non sarà mai abbastanza ribadire il mio grazie a tutti Voi . Perché senza il Vostro sostegno , avrei perso Michelangelo già da lungo tempo e invece lui oggi è qui con me che lotta con tutte le sue forze .
Un caro saluto a tutti voi
Mariateresa e Michelangelo

  • AcquaChiara

    Cara Mariateresa preghèrò per te e per il tuo Michelangelo.