Una giornata di Susanna

Una giornata di Susanna


Titolo
: Una giornata di Susanna

Autore: Mauro Leonardi

Editore: Cooper

ISBN: 88-7394-240-7

Pagine: 192

Prezzo: € 16

Acquistabile in tutte le librerie

Acquistabile online su: Amazon, Ibs, Libreria Universitaria, La Feltrinelli

 

 

 


 

Il BookTrailer

 


Descrizione

Susanna è una donna di mezz’età, è sposata, ha due figli, è cattolica, e quel giorno, senza abiurare a nulla di se stessa, decide di fare all’amore con l’uomo con cui lavora da anni. Inizia così la giornata più importante della sua vita che, Mauro Leonardi, con scrittura esatta e sapiente, ci racconta come un giallo dal primo all’ultimo minuto, senza risparmiarci nulla. Tra l’inizio e la fine delle ventiquattro ore, lì in mezzo, c’è il romanzo, anzi, la storia. Perché è tutta di fantasia, come un romanzo, e tutta vera, come una storia di vita. Inizia di notte con le paure di una donna, di quelle che ti svegliano e accendi la luce ma non vedi, e finisce con una notte in cui quelle stesse paure si sono fatte scelta, destino, gioia, dolore. Vita. E la medesima donna spegne la luce, ma piena di vita: piena di una vita piena che vede e si vede. Che vede tutto l’amore che c’è in una vita, con tutti i nomi che l’amore ha: dalle amiche buddiste alle persone omosessuali. Amore che le parole non bastano a classificarlo. Perché se l’amore è tutto non lo classifichi ma lo chiami. E quel nome lo sa solo lei. Lo sai solo tu.


Un estratto dal libro

“E poi, di notte, arrivavano tutti i pensieri. Insieme alla paura e insieme ai perché. Arrivavano tutti di notte, in mezzo alla notte, nel punto più lontano dalla luce del domani. Nel punto più lontano da ieri con lui. Allora gli occhi le si aprivano. La mano al comodino a cercare la luce, a cercare lo smartphone per vedere quanto è notte. Che ora è? Le tre sono l’ora peggiore. L’ora più lontana dalla luce, l’ora più lontana da lui. La paura non aveva sonno. Non aveva fretta. Non si stancava. La paura sapeva aspettare. Aspettava seduta in fondo al letto come un gatto che ti si addormenta tra le gambe. Non ti fa muovere. Dormi, ma dormi scomodo. Dormi, ma dopo un po’ ti svegli. La paura è avere nel letto un gatto tra le gambe, solo che non è morbido, solo che non è bello. Un gatto che prima o poi la svegliava.”