Articoli / Blog | 05 Febbraio 2021

Omnes – Un gesto del Papa pieno di significato

Il mensile spagnolo Palabra per il quale scrivevo si è trasformato nel sito Omnes. La mia collaborazione rimane immutata. Alla nuova redazione tutti i miei auguri

I militari di #stradesicure che, in servizio a Roma il giorno dell’Immacolata, soffrivano il freddo e la pioggia, sono stati ricompensati come meglio non potevano credere. Contro ogni aspettativa infatti, hanno visto scendere da una Focus blu un uomo vestito di bianco che portava loro dei biscotti. Era Papa Francesco che stava tornando da Santa Maria Maggiore dove aveva pregato e celebrato la Messa in forma assolutamente privata. Se non ci fossero i video a documentarlo non ci si crederebbe.
Era accaduto che, al contrario di quanto era stato annunciato, Bergoglio aveva deciso ugualmente di recarsi prestissimo, per evitare ogni assembramento, in Piazza di Spagna per il tradizionale omaggio alla Madonna, e da lì era andato a Santa Maria Maggiore dove, prima aveva pregato davanti all’icona della Salus Popoli Romani e poi aveva celebrato la Messa nella Cappella del Presepe. Mentre tutta la citta spazzata dalla pioggia e da un vento gelido dormiva ancora al calduccio ecco poi la sorprendente sosta per un piccolo omaggio ai militari che prestavano il loro servizio. Tale gesto, come tutti quelli del Pontefice, è pieno di significato. Proprio quel giorno infatti – l’8 dicembre 2020 – il Vescovo di Roma, con la Lettera Pastorale Patris Corde, aveva deciso di dedicare l’anno a San Giuseppe, del quale aveva ricordato il servizio umile e nascosto, e proprio in quella circostanza aveva nominato le forze dell’ordine. «Le nostre vite sono tessute e sostenute da persone comuni – solitamente dimenticate – che non compaiono nei titoli dei giornali e delle riviste né nelle grandi passerelle dell’ultimo show ma, senza dubbio, stanno scrivendo oggi gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermiere e infermieri, addetti dei supermercati, addetti alle pulizie, badanti, trasportatori, forze dell’ordine, volontari, sacerdoti, religiose e tanti ma tanti altri che hanno compreso che nessuno si salva da solo.»
I biscotti che il Papa ha voluto regalare ai militari di “Strade sicure” quindi, vanno idealmente a tutta la gente che esercita ogni giorno pazienza e infonde speranza, avendo cura di non seminare panico ma corresponsabilità. Sono padri, madri, nonni e nonne, insegnanti; sono l’uomo che passa inosservato. Sono tutte le persone che trovano in san Giuseppe l’uomo della presenza quotidiana, discreta e nascosta, un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà. Colui che ci ricorda che, per Dio, non esistono persone della “seconda linea” ma solo la “prima linea”, quella dell’amore.

Tratto da Omnes