Venerdì 14 giugno – Mauro Leonardi

Commento al Vangelo (Mt 5,27-32) del 14 giugno 2019, Venerdì della X settimana del Tempo Ordinario, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti al vangelo, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Non commetterai adulterio”. Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore. Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna. Fu pure detto: “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto del ripudio”. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di unione illegittima, la espone all’adulterio, e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».

Gesù in queste giornate ci fa una catechesi continua sull’amore. Il passo di oggi è per dirci che l’amore è un comandamento assoluto. Non ammette finzioni. Magari non si riesce a manifestare tutto, né a tutti, né allo stresso modo, ma l’amore, quello che si dà, deve essere sempre vero. Non tutto, magari, ma tutto vero. Non perfetto, ma vero.