Blog / Una donna nel Vangelo | 20 Maggio 2019

Martedì 21 maggio – Mi fido della tua parola

Commento al Vangelo (Gv 14,27-31a) del 21 maggio 2019, Martedì della V settimana di Pasqua, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti al vangelo, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: Vado e tornerò a voi; se mi amaste, vi rallegrereste che io vado dal Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto adesso, prima che avvenga, perché quando avverrà, voi crediate. Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il principe del mondo; egli non ha nessun potere su di me, ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre e faccio quello che il Padre mi ha comandato».

Mi fido della tua parola.
Se hai detto che torni.
Torni.
Mi fido di te.

Dammi la tua pace.
Dammi te.
E non avrò paura del mondo.
E non avrò paura del suo principe.

L’amore che hai per il padre, è più grande di ogni forza, di ogni principe del male.
Proteggimi con questo amore. Mettimi in questo amore.
Non lasciarmi mai.
Non lasciatemi mai.

Ti amo.
Ti credo.
Ti ascolto.
Ma faccio fatica a rallegrarmi che vai via.
Ti attendo.
Ti attendo sempre.