Domenica 13 gennaio – Mauro Leonardi

Commento al Vangelo (Lc 3,15-16.21-22) del 13 gennaio 2019, Battesimo del Signore, di Mauro Leonardi. Chiunque può mandare i suoi brevi commenti al vangelo, audio o scritti, a [email protected]

In quel tempo, poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco». Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

Al gesto di Gesù che include l’opera di Giovanni il Battista nella salvezza, fa da contraltare le parole di Giovanni durante il battesimo di Gesù: parole che annunciano, nel Signore, un battesimo non più rituale ma opera dello Spirito Santo, sgorgato dal cuore Misericordioso del Padre incarnatosi nell’Emmanuele.